Tutte le Notizie


Le Notizie per categoria

Edizione n.1 - febbraio 2010

edizione n. 1 - febbraio 2010

Leggi o scarica il Giornale in pdf

Link consigliati

logo comune di trapani

Camera di Commercio TP

logo Privincia di Trapani

logo Regione sicilia

logo Motorizzazione Civile

logo IACP - Trapani

logo System Advanced- Trapani

 

 

In evidenza

50° Anniversario casartigiani

linea diretta

Enti Collegati

Ente Assistenza sociale Artigiani

Centro Assistenza fiscale

Casartigiani FIDI

Federazione Nazionale Pensionati Artigiani

Sna-Sindacato Nazionale Autotrasporti

Link consigliati

logo casartigiani nazionale

logo casartigiani palermo

logo casartigiani Siracusa

logo INPS

logo INAIL

logo Fondartigianato

logo EBAS Sicilia

logo A.S.I. Trapani

logo Artigiancassa



Leggi la notizia


Notizia NUOVE NORME PAGAMENTI STIPENDI

[ del 28-05-2018 ] scritto da MATO

 

DIVIETO PAGAMENTI IN CONTANTI

dal 1 luglio 2018 il pagamento degli stipendi in contanti è vietato, è obbligatorio il pagamento della retribuzione tramite bonifico bancario o postale o comunque strumenti di pagamento elettronici.
Il Governo ha approvato nella Legge di Bilancio 2018 il divieto di pagamento degli stipendi in contanti, per combattere gli abusi contro i lavoratori, dal 1 luglio 2018 il pagamento degli stipendi in contanti è vietato, è obbligatorio il pagamento della retribuzione tramite bonifico bancario o postale o comunque strumenti di pagamento elettronici. E la firma della busta paga non costituisce prova del pagamento dello stipendio. Normativa valida dal 1 luglio 2018 anche per contratti a termine, part-time, lavoro a chiamata, escluso lavoro domestico. A far data dal 1° luglio 2018 i datori di lavoro o committenti corrispondono ai lavoratori la retribuzione, nonché ogni anticipo di essa, attraverso una banca o un ufficio postale con uno dei seguenti mezzi:

a) bonifico sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore;

b) strumenti di pagamento elettronico;

c) pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;

d) emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato.

Le sanzioni per chi viola il divieto vanno da 1.000 a 5.000 euro.

Categoria : Notizie

Fonte :http://www.casartigianitrapani.it

 Invia ad un amicoInvia    StampaStampa 

 

Letta 249 volte        << Torna indietro